Wellmicro logo

Ginecologia

Tabella dei Contenuti

Microbiota in Gravidanza

Quanto è importante, sia per la mamma sia per il nascituro, avere un microbiota intestinale in eubiosi durante la gravidanza?

Quando la donna è in dolce attesa il microbiota intestinale preserva in primis la salute della madre, ad esempio aiutandola a non sviluppare il diabete gestazionale e, allo stesso tempo, preserva anche quello del bambino che si esporrà al primo “trasferimento” di microrganismi al momento del parto.

Andando verso il terzo trimestre, aumenta l’abbondanza relativa di alcuni batteri che vengono poi trasferiti al neonato nel periparto (in caso di parto vaginale): il microbiota intestinale del bambino, infatti, è costituito per il 22% da batteri derivanti dal microbiota intestinale della madre (in particolare Bifidobatteri, Bacteroides ed Escherichia coli), come riportato dall’articolo che condividiamo di Ferretti e colleghi (2018).

Quindi, conoscere la composizione del microbiota durante la gravidanza può essere uno strumento utilissimo sia per preservare lo stato di salute della donna sia per “lavorare” affinché venga ereditato un patrimonio di microrganismi sano al momento del parto.

Leggi l’articolo completo

Microbiota e Infezioni Vaginali Ricorrenti

Dedichiamo con piacere un focus alla salute al femminile riprendendo un tema già noto ma meritevole di attenzione: la prevenzione della salute vaginale.

Spesso le fastidiose infezioni vaginali ricorrenti possono dipendere da una disbiosi intestinale. Il retto, infatti, è stato suggerito come la fonte principale di colonizzazione della vagina.

Il canale vaginale è caratterizzato da una ridotta biodiversità e dalla dominanza di lattobacilli ed è in grado, tra le altre cose, di difendere la donna dalla colonizzazione di potenziali patogeni che possono derivare anche dall’intestino.

Il microbiota intestinale, infatti, può fungere da reservoir (serbatoio) di microrganismi dannosi e arrivare al canale vaginale sia per traslocazione interna (dovuta ad esempio ad un’aumentata permeabilità intestinale) sia esterna (a causa della vicinanza anatomica fra vagina e ano).

Lo studio che condividiamo conferma che esiste un certo grado di corrispondenza tra la microflora vaginale e rettale, non solo per quanto riguarda la composizione della specie ma anche per l’identità del ceppo batterico.

Prendi visione dello studio